Home / cultura / “Troppi diritti” di Alessandro Barbano il 30 maggio a Palazzo Vecchio

“Troppi diritti” di Alessandro Barbano il 30 maggio a Palazzo Vecchio

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura

 

 

‘Troppi diritti – L’Italia tradita dalla libertà’ (Mondadori) di Alessandro Barbano sarà presentato domani, 30 maggio, a Palazzo Vecchio in Sala D’Arme (ore 17.30). Oltre l’autore saranno presenti il sindaco Dario Nardella, lo storico e saggista Franco Cardini. Modera l’incontro Paolo Ermini, direttore del Corriere fiorentino.

Barbano, direttore del Mattino, racconta un viaggio nel pensiero di un Paese tradito dalla libertà, in cui nessuna élite ha più il coraggio di dire il vero e di fare i conti con minoranze organizzate sotto la bandiera dei diritti acquisiti. Dal palazzo alla piazza, dai giornali alla Rete, dalla scuola alla giustizia, il discorso pubblico, si legge nella scheda del libro, non è più al servizio della democrazia. Troppi diritti racconta con chiarezza come ciò sia accaduto e che cosa fare per uscire da una simile, pericolosissima, crisi epocale: un’ipertrofia dei diritti ciò che spiega il declino italiano.

Certo, in passato i diritti individuali sono stati il carburante che ha alimentato la nascita, la crescita e l’affermarsi delle democrazie a scapito di assolutismi e di totalitarismi. Ma quando quei diritti sono diventati i principi guida delle società, è emerso anche il loro lato oscuro, favorito oggi dallo sviluppo di innovazioni tecniche che aprono inedite prospettive. Proprio la visione di queste nuove possibilità amplia lo spazio delle aspirazioni del singolo e dei gruppi, facendo perdere di vista il limite etico insito nel concetto stesso di libertà. È ciò che si definisce «dirittismo», malattia che esibisce un sintomo ormai sotto gli occhi di tutti: la crisi della delega, ossia la rinuncia a qualsiasi mediazione tra gli interessi di uno o di pochi e quelli di tutto il corpo sociale. È accaduto nel campo politico, dove il dirittismo si è tradotto in aperta diffidenza nella classe dirigente e nel diffuso astensionismo; nel campo del sapere, dove manca il criterio della meritocrazia; e nella sanità, dove vale per tutti l’esempio del movimento contro i vaccini. E, altrettanto grave, è accaduto nel campo dei media, dove strumenti come Internet, Facebook, Twitter hanno scalzato la mediazione della carta stampata, stravolgendo spesso il messaggio veicolato. La combinazione di diritti e tecnica si è così tramutata in un fattore di indebolimento e disgregazione della stessa democrazia.

 




 

(29 maggio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Incidente mortale sulla variante Aurelia

di Redazione #Viareggio twitter@firenzenewsgaia #Cronaca   La polizia municipale è intervenuta su un incidente avvenuto ...

Fiera del Mestolo: da domenica, rivoluzione a sosta e traffico in centro ad Arezzo

di Redazione #Arezzo twitter@firenzenewsgaia #Appuntamenti   Fiera del Mestolo: torna l’oramai storico appuntamento che caratterizza ...

Piantagione di cannabis nel bosco di Javello, due arresti ​

di Redazione #Prato twitter@firenzenewsgaia #Cronaca   Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Prato ...

La Fiorentina va sotto anche col Genoa e perde per 2 a 1

di F.F. #Genova twitter@milanonewsgaia #SerieATim   Il Genoa vince per 2-1 con una Fiorentina assai ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi