Home / Firenze / Al via il restauro degli scaloni vasariani di Palazzo Vecchio

Al via il restauro degli scaloni vasariani di Palazzo Vecchio

di Redazione #Firenze twitter@firenzenewsgaia #Cultura

 

E’ appena iniziato il restauro conservativo degli scaloni vasariani di Palazzo Vecchio, le maestose scalinate gemelle che conducono i visitatori dal Cortile di Michelozzo al Salone dei Cinquecento. L’ultimo intervento risale ad oltre 20 anni fa.

Gli scaloni apparivano usurati dal tempo e dall’uso. L’intervento, dal costo di 150 mila euro, durerà sei mesi e consterà di cantieri piccoli che avanzeranno a poco a poco una volta ultimati per creare meno disagi agli utenti. In particolare saranno ripuliti e restaurati i soffitti, le scalinate e le pareti. L’accesso al museo non subirà variazioni.

I ponteggi saranno presto ‘vestiti’ di decorazioni e soluzioni artistiche meno impattanti grazie al progetto ‘Cantieri creativi’ curato dall’Accademia di Belle Arti in collaborazione con il Servizio Belle Arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio del Comune, che propone interventi di arte contemporanea progettati e realizzati dagli allievi del biennio di Arti visive e linguaggi espressivi dell’Accademia sulle recinzioni esterne di alcuni cantieri del centro storico. Il progetto è già stato avviato per esempio sui cantieri della Chiesa di San Giovannino dei Padri Scolopi di via Martelli e su quelli degli scavi del Teatro romano sotto Palazzo Vecchio.

Un altro intervento di riqualificazione del museo – dichiara l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi – che continua il lavoro portato avanti in questi anni grazie al Piano unitario di valorizzazione di Palazzo Vecchio da oltre due milioni di euro col quale il Comune ha avviato un programma di riorganizzazione funzionale dell’intero Palazzo volto a una riqualificazione dell’edificio e delle sue potenzialità attrattive pubbliche e alla riqualificazione del monumento nei suoi assetti distributivi e spaziali, incrementando gli spazi museali ma anche migliorando ulteriormente i servizi al pubblico”.

Tra le novità di questi anni ci sono le sale di “Tracce di Firenze. Palazzo Vecchio racconta la città” al piano terra, l’ampliamento degli itinerari di visita che includono la Torre di Arnolfo, gli scavi archeologici sottostanti al Foyer del Teatro Romano, la nuova biglietteria con guardaroba, nuovi servizi igienici e nursery, alcune sale del quartiere di Leone X come la Sala di Lorenzo, la Sala di Firenze Capitale, il bookshop, la caffetteria.

 

 

(22 luglio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 





 

 

 

 

 

 





 

0Shares
0 0 0

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Così l’ex Sindaco Nogarin finirebbe alla corte di Virginia Raggi

di Giancarlo Grassi #Politica twitter@firenzenewsgaia #Livorno   Non pago della sua indimenticabile esperienza (per i ...

Allerta maltempo su tutta la Toscana fino alla serata del 21 giugno

di Redazione #Toscana twitter@firenzenewsgaia #Meteo   La sala operativa unificata della Regione ha emesso un codice ...

Ciclovie, oltre 8 milioni a Toscana dal Mit. Ceccarelli: “Più forza a nostra scelta di mobilità sostenibile e sicura”

di Redazione #Toscana twitter@firenzenewsgaia #Mobilità   “E’ un atto importante, che destina alla Toscana risorse ...

Alex Zanardi travolto in handbike: è gravissimo

di Redazione #AlexZanardi twitter@firenzenewsgaia #Cronaca   Il campione si è scontrato con un mezzo pesante ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi