Sport e libri, Larissa Iapichino presenta il suo “Correre in aria”

Share post:

di Redazione Sport

Il presidente Eugenio Giani è intervenuto alla presentazione nella Sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati del libro di Larissa Iapichino “Correre in aria” (Mondadori), il libro che racconta la storia di questa giovane toscana straordinaria, rivelando molto della sua vita di ventenne fuori dalla pista. Ha partecipato all’evento anche Cosimo Guccione, assessore allo sport del Comune di Firenze.

“Mi è stato proposto questo progetto quando ero infortunata e quindi non potevo allenarmi – spiega Larissa – così mi sono buttata a capofitto in questa avventura per me assolutamente nuova. Mi sono detta: vediamo che cosa verrà fuori. E devo dire che sono molto felice del risultato. Il mio libro è una storia di normalità, vuole raccontare la mia vita anche fuori dalla pista di atletica, vuole mettere in luce tutte le peripezie e gli ostacoli che deve affrontare una ragazza giovane come me, che deve fare la maturità, che ha i suoi amici, l’amore, lo sport e che nello sport si trova davanti la delusione più grande della sua brevissima carriera, che non le permetterà di andare alle Olimpiadi. Il libro parla di come questa giovane donna ha affrontato questo periodo, che sembrava la fine del mondo, per poi trarne una grande forza e un insegnamento per la vita”.

E a proposito del titolo (Correre in aria), “è quello che faccio quando salto – spiega – ma ha anche un significato simbolico: correre in aria per andare a prendere quello che sta in alto, ovvero i sogni. E il sogno più grande, che nel 2021 mi è stato strappato dalle mani, è quello di partecipare alle prossime Olimpiadi”.

“Il libro testimonia come dietro Larissa, una delle più grandi promesse dell’atletica e dello sport, in realtà ci sia una donna di grande personalità, una ragazza che sta studiando con risultati proficui”, ha dichiarato  Giani nel suo intervento. “Nel libro traspaiono forti il sentimento di impegno e la passione per il raggiungimento dei risultati che denotano anche una persona più matura della sua età”, ha continuato il presidente, ricordando i genitori di Larissa, Gianni Iapichino e Fiona May (lo stadio di atletica a Firenze è stato inaugurato nel 2003 proprio da Giani quando era assessore al Comune).

“Larissa è una figlia d’arte e tutti ci aspettavamo che mostrasse talento – ha concluso Giani – ma un talento così forte, la determinazione e le sue caratteristiche psicofisiche così esaltanti, un’applicazione allo studio come quella che traspare dal libro, ci rivelano una gran bella persona oltre all’atleta”.

 

(4 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

Potrebbero interessarvi

Sliding doors: l’arte di Elisabetta Rogai torna a Firenze dal 25 maggio

di Redazione Firenze Appena otto mesi dopo la grande mostra personale nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio in occasione...

Il quotidiano Il Tirreno apre a Firenze, Giani: “Una ricchezza per la Toscana diffusa”

di Redazione Firenze “Lo vediamo in questi giorni in cui le cronache della guerra ci fanno capire anche quanto...

La 100 km del Passatore i provvedimenti per la circolazione a Fiesole

di Redazione Toscana Sabato 21 maggio 2022 torna la “100 Km del Passatore Firenze - Faenza”, gara podistica giunta...

Nuova scossa di terremoto a Firenze: gente in strada attorno alle 23 del 12 maggio

di Redazione Firenze Una nuova scossa di terremoto piuttosto forte è stata avvertita distintamente dalla popolazione a Firenze e nella...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: