HomeLivornoPolemiche leghiste sulle vacanze di Giorgio Napolitano a Livorno. Risponde l'On. Andrea...

Polemiche leghiste sulle vacanze di Giorgio Napolitano a Livorno. Risponde l’On. Andrea Romano

di Redazione #Livorno twitter@firenzenewsgaia #Politica

 

Con un comunicato stampa giunto in redazione, e relativamente alle polemiche innescate da Matteo Salvini e dai suoi sodali del M5S, sulla presenza del Presidente emerito Giorgio Napolitano che, accompagnato dalla sua regolare scorta, trascorre le vacanze a Livorno, a Cecina per la precisione, come se la scelta delle vacanze di chicchessia fossero fatti privati del segretario della Lega e dei 5 Stelle.
Sulla questione riceviamo in redazione un comunicato dell’On. Andrea Romano del Partito Democratico, che pubblichiamo integralmente di seguito.

Come parlamentare eletto nel collegio di Livorno e provincia, come toscano e come livornese sono molto orgoglioso che il Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano abbia scelto Cecina per un soggiorno di vacanza. Soggiorno particolarmente modesto, va sottolineato, presso una camera quadrupla di una caserma militare.
Spiace notare l’ennesima occasione persa dai rappresentanti locali di Lega e Cinque Stelle, che invece di cogliere l’importanza della presenza di Napolitano sul nostro territorio hanno montato una polemica assurda e pretestuosa sulla scorta prevista dall’ordinamento vigente per le massime cariche dello Stato. Una polemica motivata solo dal risentimento politico di due partiti che non hanno mai digerito l’assoluto equilibrio istituzionale incarnato dalle due presidenze di Napolitano.
A Lega e Cinque Stelle e ai loro rappresentanti locali (reduci da una catastrofica serie di sconfitte elettorali, da quella nel collegio uninominale di Livorno nel 2018 al recente voto nei comuni della costa livornese) dobbiamo ricordare che la responsabilità di governo oggi spetta a loro e che in particolare il Ministro degli Interni è occupato (almeno nel tempo libero dai selfie e dagli aperitivi) dal segretario della Lega Matteo Salvini.
A Salvini, alla Lega e al Movimento Cinque Stelle spetta dunque l’obbligo di garantire adeguati livelli di sicurezza e presidio del territorio anche nella provincia di Livorno. Invece di montare polemiche autolesionistiche, facciano dunque il proprio dovere di partiti di governo anche sui temi della sicurezza.

 

(29 luglio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata
 

 

 




 

 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: