HomeLivornoLivorno: intitolazione della Rotonda di Ardenza a Carlo Azeglio Ciampi

Livorno: intitolazione della Rotonda di Ardenza a Carlo Azeglio Ciampi

di Redazione #Livorno twitter@gaiaitaliacom #Sociale

 

Lunedì 9 dicembre, il Sindaco Luca Salvetti, a nome del Comune di Livorno, presiederà la cerimonia di intitolazione della Rotonda di Ardenza a Carlo Azeglio Ciampi, decimo Presidente della Repubblica Italiana.

L’intitolazione di un luogo altamente simbolico ed amato della Città a Ciampi prende avvio da una proposta del Partito Democratico di Livorno, sostenuta nella passata consiliatura e riproposta come uno dei primi atti del nuovo corso apertosi in Comune dopo le elezioni di quest’anno.

Carlo Azeglio Ciampi è stato un autentico figlio della Livorno migliore ed ancora attuale, Città civile ed evoluta, libera e coesa. Uomo di grande cultura ed al tempo stesso di genuina semplicità, anche quando ha ricoperto i più alti incarichi istituzionali. Ha percorso la carriera in Banca d’Italia, dal gradino iniziale al più alto, con impegno ed intelligenza quotidiani. Chiamato poi a ricoprire gli incarichi di Ministro del Tesoro e di Presidente del Consiglio ha dimostrato anche nei ruoli di Governo lo stesso spirito di servizio nella cura esclusiva dell’interesse pubblico dell’Italia e degli italiani. Tali qualità sono state riconosciute e sublimate con l’elezione, al primo turno ed a larga maggioranza, alla carica di Presidente della Repubblica. Non a caso è stato poi uno dei Capi di Stato più stimati ed amati d’Italia.

Carlo Azeglio Ciampi ha dato prova di eccezionali doti tecniche ed intelligenza politica, ma soprattutto è stato uno Statista. Ha infatti sempre operato, con serietà e senso del dovere, anche nei momenti di maggiori difficoltà economiche o politiche, per la concordia sociale, per il rispetto delle persone, di tutte le persone, per la tutela dei principi di libertà e giustizia, per la difesa dei valori fondanti della Repubblica scolpiti nella Costituzione, per la salvaguardia della collocazione internazionale dell’Italia nel tradizionale consesso di un’Europa fonte di pace e prosperità. La Sua unica bussola è stata l’abnegazione in ogni incarico – dal più umile al più elevato – in vista del perseguimento dell’interesse generale, con uno sguardo lucido e profondo ad un futuro di benessere e di pace.

Carlo Azeglio Ciampi non ha mai dimenticato le radici livornesi e di ciò la Città deve portare giusto vanto. Livorno è stata la prima (23 giugno 1999) e l’ultima (2 maggio 2006) Città italiana che ha visitato da Presidente della Repubblica, a dimostrazione che il percorso di conoscenza e rapporto diretto del Capo dello Stato con ogni angolo del Paese era racchiuso idealmente nell’affetto per la Sua Livorno, peraltro sempre frequentata durante tutta la vita anche in forma privata per la presenza di amici e familiari.

Dopo averlo onorato in vita con l’assegnazione della Canaviglia nel maggio 2006, lunedì 9 dicembre 2019, nella ricorrenza del novantanovesimo anno dalla nascita, finalmente Livorno assegna il giusto riconoscimento anche alla memoria di uno dei suoi figli più illustri, un grande Uomo ed un grande Statista.

 

(8 dicembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: