Home / Cronaca Firenze & Toscana / Livorno, muore al Rave Party. Il comunicato del PD

Livorno, muore al Rave Party. Il comunicato del PD

di Redazione #Livorno twitter@firenzeneewsgaia #Sociale

 

È di ieri, 4 novembre, la notizia della morte di una giovane ragazza nel corso del rave party organizzato illegalmente presso l’area ex Trw. Il Partito Democratico “esprime tutta la propria vicinanza alla famiglia della ragazza deceduta in circostanze tanto drammatiche.

Ricordiamo che nei giorni scorsi il Sindaco Luca Salvetti aveva sollecitato le autorità di pubblica sicurezza a monitorare i possibili rischi derivanti dal rave e a intervenire di conseguenza, mettendo a disposizione del Questore la polizia municipale. Oggi è arrivata la notizia che tutti speravamo di non sentire: si tratta della seconda, tragica morte in meno di un anno all’ex Trw. Oggi è nostra priorità evitare che in futuro si ripetano situazioni di questo tipo. Se tali ritrovi illegali favoriscono l’uso indiscriminato di droghe pesanti, creando situazioni di pericolo e degrado che non possono essere tollerate, la prevenzione è sempre più indispensabile anche se di difficile realizzazione. In primo luogo è importante che Questore e Prefetto ci indichino le possibili azioni di prevenzione  e gestione di questo tipo di eventi, e su questo domani sarà convocato anche il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico.  Guardando al contesto territoriale nel quale è maturata la tragedia, è importante agire alla radice del problema relativamente alla zona coinvolta: un terreno di proprietà privata su cui è indispensabile assumere iniziative precise di bonifica e messa in sicurezza. Chiediamo nuovamente e con forza ai proprietari dell’ex Trw di correre al più presto ai ripari e condurre azioni di bonifica e riqualificazione dell’ex zona industriale di loro proprietà. Di pari passo riteniamo indispensabile un’azione di rigorosa prevenzione in merito alla sicurezza dei nostri ragazzi, chiedendo che autorità e istituzioni continuino a vigilare con maggior forza su eventi di questo tipo, nella consapevolezza che per arginare il fenomeno dei rave party non basta solo l’azione coordinata delle istituzioni, ma serve l’avvio di indagini rigorose da parte della Magistratura per accertare eventuali responsabilità penali. Già domani il deputato livornese del Partito Democratico Andrea Romano presenterà una interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno, per conoscere quali iniziative preventive siano state intraprese e quali le misure conseguenti. Perché dopo la tragedia di oggi è ancora più necessario evitare che situazioni di questo tipo abbiano a ripetersi”.

 

 

(5 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 




Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Firenze al top in Europa per la cultura. I dati della commissione europea che misurano creatività e vivacità culturale

di Redazione #Firenze twitter@firenzenewsgaia #Cultura   Firenze è prima in Europa, tra le città di ...

Al via il progetto della “Biblioteca sociale in carcere”, promozione della lettura nelle case circondariali di Sollicciano e Gozzini

di Redazione #Firenze twitter@firenzenewsgaia #Cultura   Promuovere la lettura in carcere come opportunità di crescita ...

Dante, proseguono gli incontri in vista del 700/esimo anniversario della morte

di Redazione #Firenze twitter@firenzenewsgaia #Cultura   Mancano meno di due anni al via delle celebrazioni ...

Memoria, domani letture al Memoriale di Auschwitz per ricordare i deportati

di Redazione #Firenze twitter@firenzenewsgaia #Auschwitz   Il giorno 9 novembre 1943, dal binario 16 della ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi