HomeFirenze CulturaNapoleone a Firenze e in Toscana: mostre, incontri e iniziative fino a...

Napoleone a Firenze e in Toscana: mostre, incontri e iniziative fino a dicembre

di Redazione, #Cultura

Mostre, incontri e approfondimenti storici e artistici, conferenze, itinerari di visita: nel Bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte il progetto “Napoleone 2021. Firenze la città sognata” celebra a Firenze e in Toscana la ricorrenza con una serie di iniziative che da maggio a dicembre valorizzano il patrimonio custodito sul nostro territorio, in musei, archivi, in palazzi e collezioni private e legato a uno dei personaggi che ha segnato in maniera indelebile la storia dell’Europa moderna.

Collegato al programma Napoleone in Italia promosso dal “Comitato per il Bicentenario Napoleonico”, il progetto vede il coordinamento della Fondazione Museo Stibbert e il contributo della Regione Toscana con il patrocinio del Comune di Firenze, della Fondazione CR Firenze e del Touring Club Italiano. Obiettivo: far conoscere come Firenze e la Toscana conservino un patrimonio di memorie spesso poco note ma che testimoniano un importante momento della storia della città e del territorio, offrendo un contributo originale quanto rivelatore dell’intenzione di costruire una società con forti caratteri di rinnovamento.

Dai preziosi materiali di archivio, alle opere artistiche, alle realizzazioni architettoniche e decorative – patrimonio di memorie spesso poco note ma utili alla comprensione della vicenda napoleonica – : sono questi i protagonisti del progetto Napoleone 2021. Firenze la città sognata che si propone di coordinare e promuovere le iniziative organizzate da alcune istituzioni e associazioni culturali presenti sul territorio fiorentino che intendono celebrare il bicentenario della morte di Napoleone, offrendo contributi scientifici e culturali da presentare al vasto pubblico.

Un portale web dedicato riunirà tutte le proposte culturali delle diverse istituzioni e associazioni, consentendo al pubblico di avere in ogni momento il quadro complessivo delle proposte culturali legate alle celebrazioni napoleoniche, e di poter accedere a tutti i contenuti virtuali, dalle mostre alle registrazioni di conferenze, agli itinerari che saranno predisposti all’interno delle collezioni.

E’ in corso di preparazione anche la mostra virtuale Firenze, la città sognata che sarà accessibile direttamente dal portale e che si basa sulla documentazione archivistica e architettonica di due grandi istituzioni cittadine, l’archivio di Stato di Firenze e l’archivio Storico Comunale, che hanno messo a disposizione i loro materiali per un realizzazione tridimensionale della trasformazione urbanistico/architettonica voluta da Napoleone per alcune parti della città. La mostra, curata da Giuseppina Carla Romby è realizzata in collaborazione con il dipartimento DIDA dell’Università di Firenze

Partecipano al progetto istituzioni e associazioni, espressione del mondo culturale fiorentino e toscano, oltre al Museo Stibbert, l’Archivio di Stato di Firenze, l’ Archivio Storico del Comune di Firenze, l’Associazione Amici Museo Stibbert Aps, l’Associazione Amici di Palazzo Pitti Aps, l’Associazione Amici dell’Istituto Francese di Firenze, l’Institut Français de Florence, il Museo Medagliere dell’Europa Napoleonica, il Souvenir Napoléonien, la Fondazione Spadolini Nuova Antologia.


Napoleone e la Toscana

La Toscana, governata dai Bonaparte fino dal 1805 per il ducato di Lucca e interamente annessa all’Impero nel 1808,  porta tracce importanti del breve periodo napoleonico. Restano del periodo imperiale opere e istituzioni particolarmente interessanti per capire come in pochi anni fosse stata raggiunta una condizione di modernità che non fu del tutto cancellata dal ritorno lorenese.

La figura di Napoleone, ancora da molti oggi considerata controversa per la sua condotta dl potere durante il quindicennio della sua ascesa, rappresenta uno degli snodi fondamentali della storia, che ha segnato indelebilmente lo sviluppo dell’Europa moderna, in campo istituzionale, giuridico e culturale, imprimendovi un cambiamento irreversibile.

POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: