HomenotiziePotenziata la rete regionale toscana del trapianto di rene

Potenziata la rete regionale toscana del trapianto di rene

di Redazione, #Firenze

Potenziare la Rete regionale del trapianto di rene: questo l’obiettivo dell’accordo sull’attività chirurgica tra le Aziende ospedaliero-universitarie di Firenze, Pisa, e Siena, che è stato condiviso e approvato stamani alla presenza dell’assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini. Le Aou fiorentina, pisana e senese sono le strutture ospedaliere sedi di Centri regionali autorizzati per il trapianto del rene, nell’ambito dello specifico programma regionale che evidenzia il ruolo della Rete tra Centri trapianto, nell’ottica della presa in carico dell’insufficienza renale cronica.

Le direzioni generali, rappresentate rispettivamente da Rocco Damone, Silvia Briani e Antonio Barretta, insieme ad Adriano Peris, responsabile Organizzazione toscana trapianti, e Alberto Rosati, coordinatore regionale del Programma trapianto rene, hanno definito un accordo con gli obiettivi di sviluppare il Programma regionale di trapianto del rene; implementare le buone pratiche; potenziare la donazione da vivente; sviluppare programmi di ricerca comuni. La collaborazione permetterà anche di costituire un pool regionale di chirurghi esperti nel trapianto di rene, la cui professionalità comprenda le tecniche più avanzate (prelievo d’organo da donatore,  trapianto di rene singolo e doppio da donatore cadavere, trapianto di rene da donatore vivente). Tale pool sarà in grado di integrare le professionalità già esistenti presso i singoli Centri trapianto, in modo da favorire lo sviluppo omogeneo regionale del migliore expertise in ambito chirurgico.

La collaborazione interaziendale permette, inoltre, anche di attivare la mobilità temporanea dei professionisti tra le tre sedi per l’attività valutativa, chirurgica di trapianto, di ricerca e di formazione e di disporre di tutte le tecnologie avanzate, i processi di informatizzazione e le facilities presenti nei diversi centri. Inoltre vengono potenziate le attività di ricerca e sperimentazione clinica condivisa, al fine di promuovere lo standard più elevato possibile nell’ambito delle tecniche chirurgiche trapiantologiche e delle tecniche di conservazione d’organo; accrescere la capacità di attrazione di risorse e di partecipazione a reti, partnership e gruppi di ricerca di livello nazionale e internazionale; promuovere attività di ricerca, sviluppo e innovazione; produrre articoli e pubblicazioni scientifiche.

 

(26 novembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: